GIOVEDI’ 10 DICEMBRE ORE 21 AL CAI CONFERENZA OMEOPATIA E MONTAGNA

430

In questa ultima conferenza del 2015 al CAI la dottoressa Laura Sambo, omeopata, ginecologa e psicoterapeuta, socia del CAI da tanti anni, offrirà all’attenzione dei partecipanti un esempio di rimedi omeopatici derivati da fiori, rocce e animali di montagna, che alleviano o curano traumi e disturbi degli sportivi e alcune patologie, tra cui il mal di montagna, che interessano gli alpinisti.
L’ideale più alto di una guarigione è ristabilire la salute in maniera rapida, dolce, duratura; ovvero togliere e distruggere tutta la malattia per la via più breve, più sicura e di minor pregiudizio. E’ quanto scrive il medico Hahnemann nel suo testo base dell’omeopatia, ben 2 secoli fa, ma ancora attuale. Per far ciò occorre conoscere molto bene il malato nel suo corpo, nel suo piano emozionale e soprattutto in quel livello mentale/spirituale che ne rappresenta l’intima essenza. Per guarire in modo dolce, la persona malata assume uno o più rimedi diluiti e dinamizzati, privi quindi di effetti tossici e che stimolano la capacità intrinseca di guarigione di ogni paziente. L’omeopatia quindi tiene molto alla salute dell’individuo, della società e dell’ambiente naturale da cui si ricavano i rimedi. Un approccio molto vicino alla sensibilità dei soci CAI ma che riteniamo stimolerà l’interesse di molti.

materiale conferenza

In this article