MONTE SCORDA
Siamo a cavallo dell’Aspromonte, sulla dorsale appenninica sospesa tra Ionio e Tirreno e con panorami a 360° e con meta Monte Scorda. Punto nodale di sentieri cardine del Parco come il Sentiero del Brigante ed il Sentiero Italia. Cammineremo nella cattedrale arborea della faggeta, che in questa stagione si sta risvegliando. Si transita dall’importante complesso edilizio dell’ex-sanatorio di Zervò. Insomma un’escursione che non si Scorda. Vedi scheda.

FERROVIE DIMENTICATE
Il tragitto è costituito dal vecchio binario delle Ferrovie Calabro-Lucane: è agevole, pianeggiante, lineare, in mezzo agli uliveti. Passeremo dal Casello di Sant’Anna per poi arrivare alla Stazione di Melicuccà. Fino agli anni ‘60 la littorina si fermava in piena campagna per far scendere le braccianti agricole che andavano a raccogliere le olive. Oltre la stazione di Melicuccà esiste il Casello che oggi è adibito a Monastero dei Monaci della chiesa Ortodossa, dove per impraticabilità del percorso ferroviario non potremo arrivare. Vedi scheda.

Gli organizzatori delle due escursioni saranno in sede giovedì 14 per fornire ogni notizia.

Anche gli organizzatori del soggiorno a Salina (ormai completo) del 23, 24 e 25 c.m. daranno le ultime indicazioni ai partecipanti.