Una piacevole passeggiata su un sentiero che il Cai percorre per la prima volta facendo un tuffo nel passato contadino di Scido, quando la portata delle fiumare consentiva il buon funzionamento delle macchine ad acqua per la produzione delle farine, tra torrenti, ponti in legno, lievi e poche salite in mezzo ad ulivi e castagni secolari, ciliegi in fiore, orti coltivati ai piedi del massiccio dell’Aspromonte per poi rivivere momenti di vita contadina ed artistica nei due musei del paese e nella chiesa di San Biagio: tutto questo a soli 20 chilometri dalla Piana di Gioia Tauro e dall’autostrada del Mediterraneo Salerno-Reggio Calabria. Questo è Scido, comune del parco nazionale dell’Aspromonte.

SCARICA SCHEDA PDF