L’Anello di Montalto (PN d’Aspromonte), 28 giugno 2015 con Associazione Stopndrangheta

756

L’Anello di Montalto, 28 giugno 2015

Difficoltà: E Tempi di percorrenza escluse le soste: 4,5 h

Rifornimento idrico: diverse fontane lungo il percorso

Organizzatore: Elisa Lombardo con Associazione Stopndrangheta

Carte IGM 1:25.000 Gambarie

Il punto di partenza del percorso si trova ai piedi della salita per Montalto, laddove lasceremo le auto che riprenderemo alla fine dell’escursione, essendo un percorso ad anello. La vegetazione, per gran parte dell’itinerario, è fatta da abeti, faggi ma anche da pini larici. Ricordiamo che i dislivelli si muovono tra i 1618 di località Pagliai e la vetta di Montalto che si trova a 1955 mt. Nella prima parte del percorso, nelle radure che s’affacciano verso sudest, dove crescono arbusti di ginepro radenti,  si può godere di magnifici scorci panoramici sulla vallata Ferraina che subito dopo declina nei salti delle cascate Forgiarelle e Palmarello.  E’ tratto di sorgenti. Nasce tra queste pieghe, infatti, la fiumara La Verde, una delle più importanti dell’Aspromonte Orientale. La lunghezza del percorso è caratterizzata da ambienti vari e da vedute che vanno oltre le cime più a valle, spingendosi fino al mar Jonio.  Un misto tra spiritualità e leggenda popolare, caratterizza la parte sud-orientale del massiccio di Montalto. Asceti, briganti, camminatori e pellegrini sono racconti (cunti) e ballate (muttette) di una storia non scritta. A meno di un’ora dall’arrivo, s’intercetta il sentiero per l’ascesi verso Montalto, la vetta d’Aspromonte più vicina al cielo (1955). Dall’alto si può scorgere la parte nord dell’Aspromonte di Tabaccari, di Scorda e di Misafumera. Poi la Piana di Gioia Tauro, il mar Tirreno, la Sila e nelle giornate più terse persino l’Orsomarso e il Pollino. La discesa per giungere alle macchine, tra il fitto bosco, dura 30 minuti.

Durante l’escursione sono previste delle soste dedicate a racconti e rievocazioni di storie legate all’Aspromonte a cura di Alfonso Picone Chiodo (CAI) e Francesca Chirico (Associsazione Stopndrangheta)

Giovedì 25 giugno alle ore 21.00, nella serata di presentazione  dell’evento “Memorie in Aspromonte…” l’organizzatrice Elisa Lombardo fornirà ulteriori dettagli e raccoglierà le adesioni per l’escursione.

In this article