Preoccupazione per il decreto “taglia parchi”

359

Riprendiamo e condividiamo la mozione con la quale il CAI Centrale esprime sincera preoccupazione per il taglio dei contributi ordinari ai Parchi e alle Aree protette contenuto nel Decreto Legge 78/2010. L’iniziativa del governo infatti rischia di abbattersi come una scure su strutture fondamentali per il mantenimento della biodiversità e per la tutela dell’eccezionale patrimonio naturalistico del territorio italiano quali sono Parchi ed Aree protette. Il Club Alpino Italiano dunque, considerate le numerose e positive collaborazioni – suggellate da altrettante convenzioni ed accordi – con Parchi ed Aree protette, invita l’Esecutivo a ripensare il Decreto: il lodevole proposito di ridurre la spesa pubblica e consolidare l’economia nazionale non può essere realizzato colpendo aree di pregio naturalistico, che tanto rappresentano per il patrimonio e per il turismo del nostro Paese.

In this article